GRUPPO di  FONTANETTO PO

Capogruppo:  Francesco GAGNONE        Cell. 340 3668691

Segretario:     

 

INDIRIZZO:  via Massimo D'Azeglio 1 - 13040  Fontanetto Po (VC) tel.  0161 840440

                         E-mail:  alpini.arturorampone Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

ANNO 2016 = n. 35 associati di cui 20 Alpini e 15 Soci Aggregati

 

13 settembre 2007 presso la Locanda dell'Orso, durante un amichevole convivio veniva redatto il  Verbale di Costituzione del Gruppo Alpini di Fontanetto Po, intitolato all'Alpino Arturo Rampone.

 

All'unanimità veniva eletto capogruppo Francesco Gagnone. Il gruppo disponeva già di una sede ubicata nei locali dell'Oratorio, generosamente concessa dal Parroco don Guido Mazza, cui veniva accollato anche l'onere di Cappellano del gruppo.

Prima ancora della cerimonia ufficiale, veniva organizzata una vendita benefica a favore della Lega del Filo d'oro (bambini sordo-ciechi).

 

10 febbraio 2008, Fontanetto è in festa per la presentazione del neonato Gruppo Alpini; forse solamente nel 2004 in occasione dello scoprimento della Lapide intitolata al Tenente Alpino Massimo Montano M.A.V.M. nel sessantesimo della fucilazione da parte dei nazi-fascisti, si erano visti così tanti Alpini in paese.

 

Sempre presenti per la vendita delle stelle alpine, delle orchidee e delle pigotte a favore dell'UNICEF  In occasione della festa patronale viene allestito il Banco di Beneficenza, gli incassi sono sta ti devoluti all'Oratorio, a seguire, per l'acquisto di attrezzature per la Casa di Riposo, ultimo in or dine di tempo alla LILT.

 

Nell'Oratorio è stata allestita una Cappella dedicata alla Madonna del Don e al beato don Secondo Pollo. Sono state rifatte le scritte sul basamento del monumento al Milite Ignoto; sono stati donati alcuni tavolini con relative sedie alla mensa scolastica; alcuni mobili per l'Oratorio.

 

Raccolti fondi per l'alluvione del Veneto, inviati alla Sezione di Padova (gennaio 2011); fondi per il terremoto in Abruzzo, per la Casa per Luca; per la Scuola di Casumaro.

 

Organizzata la “Partita del Cuore” volta alla raccolta di fondi per i terremotati dell'Emilia, portato un carico di aiuti nella tendopoli di Concordia sulla Secchia.

 

Pellegrinaggio al Sacrario della “Cuneense”; visita al Museo delle Truppe Alpine di Cantavenna di Gabiano allestito dall'Alpino Carlo Monti.

 

Fornito materiale storico per l'allestimento della mostra per il 150° dell'Unità d'Italia a San Genuario. Ai primi di dicembre, con la collaborazione della Banda Musicale e della Pro Loco, viene allestito l'Albero di Natale, al cui addobbo provvedono i bambini. Portantini ufficiali del Baldacchino nella processione del Corpus Domini.

 

26 dicembre, fin da prima della costituzione del gruppo, don Guido ha sempre celebrato la S.Messa in ricordo del Beato don Secondo Pollo, tradizione che continua.

 

Presenti alle varie cerimonie della Sezione e dei Gruppi, sempre il 25 aprile, il 2 giugno e il 4 novembre Purtroppo nelle storie dei gruppi ci sono anche avvenimenti dolorosi, per il gruppo di Fontanetto la salita al Paradiso di Cantore di due soci fondatori, l'Artigliere Sergio Calcagno e l'Alpino Domenico Ambrosione; seguiti a breve distanza dal socio aggregato il Sindaco Oscar Nerpote Bernardon; abbiamo doverosamente partecipato anche alle esequie di monsignor Rinaldo Trappo, Cappellano del 1° Battaglione Complementi della Cuneense; nonché a quelle del Generale Bonifazio Incisa di Camerana, già Capo di Stato Maggiore della Difesa.

 

Il gruppo ha un proprio organo di stampa, grazie alla benevolenza di don Guido che ci consente l'utilizzo della macchina da stampa, dell'aiuto dell'Amico Riccardo Vallino e, di Roberto Giacomelli.

 

A tutt'oggi il Gruppo è costituito da 25 Alpini e 20 Aggregati, con due fiori all'occhiello, il decano Francesco Avvenengo Ducca ( 96 barrette suonate) e il dr. Cav. Bartolomeo Bottasso che il 7 agosto taglierà il tragurdo dei novant'anni.

Auguri di vero cuore a entrambi.